Corso di sensibilizzazione al volontariato al liceo classico “D’Annunzio” di Pescara con oltre 60 studenti. L’iniziativa rientra nel progetto “SOS Voglia di vivere”, che l’associazione “Domenico Allegrino” Odv sta realizzando  come capofila.

La dirigente scolastica Sanvitale a dx con Anna Michetti dell'Associazione Allegrino

E’ partito al liceo classico “G. D’Annunzio” di Pescara, il corso di sensibilizzazione al volontariato “Oltre da sé“, in programma nell’ambito delle azioni del progetto “SOS Voglia di vivere”, che l’associazione “Domenico Allegrino” Odv sta realizzando  come capofila e sulla base di un finanziamento concesso dal Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali e dalla Regione Abruzzo. Agli incontri partecipano tre classi terze, frequentate da oltre 60 studenti. “Il corso intende creare le condizioni ideali per favorire la partecipazione attiva dei ragazzi in azioni di solidarietà e di contrasto alle discriminazioni e all’emarginazione delle persone più fragili e disagiate della comunità – spiega la fondatrice dell’associazione Antonella Allegrino – Negli incontri avranno modo di conoscere meglio se stessi e capire quanto sia importante ritrovarsi negli altri e donarsi a loro. Si cresce, ci si arricchisce e si riceve tanta gioia in cambio. Ringrazio la dirigente scolastica, Antonella Sanvitale, che ha accolto con interesse il nostro progetto, la professoressa Daniela Presutti, che sta seguendo l’iniziativa, e i tutor che ci affiancano”.  “Questo percorso di educazione al valore dell’altro, in quanto parte di sé, che è la vera ragione della cultura del volontariato, offre un importante contributo alla ricostruzione del nostro tempo duramente provato dalla pandemia – sottolinea la dirigente scolastica Antonella Sanvitale –  Si diventa così cittadini nuovi in cui la dimensione della  solidarietà e affezione all’altro assumono una dimensione stabile e permanente del proprio essere, contribuendo a creare la società ‘della verità e dell’amore’, carica di vita e bene per tutti”.

Alcune studentesse della classe 4 C del liceo “D’Annunzio” hanno già fatto un’esperienza di volontariato prendendo parte alla “Settimana dell’Equilibrio e del Benessere” che si è tenuta,  il mese scorso, al Poliambulatorio ‘Domenico Allegrino’. L’iniziativa ha consentito a 60 over 65 di usufruire di check up sanitari gratuiti, test Covid e sulla demenze senili, e questionari sugli effetti psicologici della pandemia. Le ragazze si sono occupate dell’accoglienza e della registrazione dei pazienti. “E’ stata un’esperienza davvero edificante perché sono riuscita ad entrare nella realtà di un ospedale anche se in piccolo – sottolinea Chiara Torino Rodriguez, una delle studentesse-volontarie al Poliambulatorio – Per me è davvero importante avere queste possibilità non solo per ciò che puoi dare ma soprattutto per ciò che le persone che aiuti possono dare a te”. “E’ stata un’occasione formativa e interessante perché siamo entrate in contatto con persone distanti da noi, anche sotto il punto di vista anagrafico – aggiunge Cecilia Prosperi, un’altra studentessa-volontaria  – Siamo state catapultate in un ambiente nuovo e abbiamo dovuto sfruttare le nostre capacità pratiche e non solo teoriche. Dopo questa esperienza, parteciperò ad altre attività di volontariato anche al di fuori del contesto scolastico”. 

Le altre studentesse che hanno preso parte alla Settimana dell’Equilibrio e del Benessere sono: 

Benedetta Antonucci, Beatrice Della Torre, Vittoria Di Donato, Federica Egizii, Margherita Marcucci, Lorenza Verna, e Gaia Ossorio (tutor professoressa Maria Teresa Sorella).

Le classi che partecipano al corso di sensibilizzazione al volontariato, che si concluderà a marzo, sono la 3 F, la 3 A e la 3 B.

Il progetto “SOS Voglia di Vivere” mira ad assicurare la salute e il benessere per tutte le età, a sensibilizzare le giovani generazioni alla cultura del volontariato e a favorire uno scambio intergenerazionale. Un’attenzione particolare è rivolta calla condizione di isolamento e solitudine che stanno vivendo le persone anziane a causa della pandemia. Il progetto è realizzato nel territorio di Pescara e Chieti dall’Associazione “Domenico Allegrino”  Odv (capofila) con i partner “Meridiani Paralleli” (Chieti), Centro Italiano Femminile Consultorio Familiare (Cif) di Chieti, l’Avis Comunale di Casoli e Pennadomo (Chieti), l’Avis provinciale di Chieti e in collaborazione con il Comune di Chieti, i licei classici “G.B. Vico” di Chieti e “G. d’Annunzio” di Pescara, il Dipartimento di Salute mentale della Asl di Lanciano-Vasto-Chieti e il Dopolavoro Ferroviario di Pescara.  Il progetto è realizzato nell’ambito del finanziamento di iniziative e progetti di rilevanza regionale promossi da organizzazioni di volontariato e associazioni di promozione sociale per la realizzazione di attività di interesse generale di cui all’art.5 del codice del Terzo settore”, Attuazione art.73 D.Lgs 117/2017 (CTS), Piano operativo approvato con DGR Abruzzo n.434/2020 28 luglio 2020, e successivamente con Determinazione DPF014/82 del 29 luglio 2020, determina di approvazione della graduatoria finale N. DPG022/23 del 17/11/2020-

Per info: 3471408600

Sui social: Facebook (https://www.facebook.com/search/top?q=progetto%20sos%20voglia%20di%20vivere) Instagram (https://www.instagram.com/sosvogliadivivere/?hl=it)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *